sabato 14 marzo 2009

Della Sorellanza e dei nodi che si sciolgono

In questo periodo sto sciogliendo (o si erano sciolti già da tempo, quando io ero troppo cieca e sciocca per ammetterlo?) nodi che non avevano più ragione di essere.
Parlo di persone, di donne, con le quali avevo creduto di poter compiere un Cammino e che invece hanno preso differenti sentieri.
Non per colpa mia, né per colpa loro - s'intende.
Eppure - per quanto creda nella Sorellanza e per quanto sia disposta a dare anima e corpo per coloro che amo - sono sempre più convinta che sia necessario tagliare i rami secchi quando non sono più in grado di dare frutti.

(L'unica che rimane solida al mio fianco, burrasca dopo burrasca, è sempre lei, M.
L'unica Sorella che io possa scrivere con la "S" maiuscola.
Quante volte abbiamo litigato?
Quante volte non ci siamo com-prese e abbiamo lottato l'una contro l'altra -

per poi finire sempre a camminare insieme, senza rancore né frasi lasciate in sospeso?

E' successo un'infinità di volte.
E siamo ancora qui.
E il nostro essere "qui" (così come siamo, con semplicità e passione) è la testimonianza più forte della Signora dentro di noi.

«Quando si condividono così tante cose con una persona, è come se tra te e quella persona si stabilisse un incantesimo. E' un filo rosso che non può essere reciso, nel Bene come nel Male...»)

E parlo anche di progetti, di sogni che erano troppo ambiziosi e non si sono concretizzati.
In alcuni casi credo anche di aver peccato di narcisismo - e di avere avuto poca pazienza.
Adesso, però, non ha importanza.
Il repulisti che sto portando a termine è inevitabile: non posso farcela a stare dietro a tutto e a tutti e devo scegliere di dedicarmi a ciò che rappresenta l'hic et nunc della mia vita: i miei tre lavori (!), che saranno anche una scocciatura, ma sono ciò che mi procura la pagnotta a fine mese; i progetti fecondi, come il Gruppo d'Acquisto; la mia famiglia (allargatissima, composta da Cristiano e dai miei animali; dai miei genitori e dagli amici; senza dimenticare le meravigliose persone che mi stanno aiutando con il G.A.S...), che merita tutto il tempo che posso dedicarle; e, last but not least, la Scrittura, che mi aspetta da sempre con una pazienza degna di una divinità ancestrale...

Mi rendo conto di essere molto determinata, in questa fase della mia vita - forse qualcuno scorgerà un'insolita durezza di fondo, nel mio dare colpi decisi di cesoia; ma io mi sento a posto con me stessa, soddisfatta e "piena" come la Signora al suo apice...

E' finita la stagione dei logoranti esami di coscienza. Adesso è giunto il momento di fare, amare, concepire. In una parola, di vivere...

5 commenti:

Ithilel ha detto...

Ti capisco perfettamente, è successo anche a me, è successo a tutte, e si soffre sì.
Quasi sempre non è questione di "colpe", ma solo di cicli che dovevano concludersi.

Un fortissimo abbraccio, e per qualsiasi cosa sono sempre a tua disposizione... .

Ithilel
www.stregando.tk
www.ventodistrega.splinder.com
www.nelgrembodelladea.com

Flamma ha detto...

Quando leggo le tue parole, mi lasciano sempre colpita, forse sarà il tuo modo di scrivere, saranno le emozioni che suscitano... Ma mai come stavolta quello che hai scritto mi ha lasciata senza parole (anche se non si direbbe da quanto sto scrivendo XD), ci sono parole, pensieri ed emozioni che hai espresso, che - sembrerà assurdo - hanno percorso proprio in questi giorni il mio animo; proprio due giorni fa ho pensato mentre me ne tornavo a casa:"Finalmente ho ritrovato il fil rouge della mia anima...", e mi ha colpito particolarmente quello che hai scritto per questo motivo.
Sono felice che tu stia facendo tutto quello che desideravi fare e che ti fa sentire viva :)
Riguardo un tuo progetto, il Cerchio, non riesco ad accedere alla home, è tutto apposto?O ci sono prblemi?

Un abbraccio :***
Flamma


PS: le piantine sono vive, e i tulipani stanno crescendo per bene, lo stesso vale per i gladioli. Forse non sono tanto negata come pensavo ;P

Canidia ha detto...

Grazie a entrambe, ragazze, per le vostre belle parole.

* Ithilel, sono assolutamente d'accordo con te: e quando è tempo di chiuderlo, il ciclo, bisogna avere il coraggio di farlo...

* Cara Flamma, il "Cerchio" è fra quei progetti che al momento non ho tempo di (ri)sistemare: la piattaforma Netsons ci ha sospeso l'account e non so per quale motivo; e in questo periodo non ho il tempo né le energie sufficienti per sistemare la faccenda.
Come tu stessa mi hai scritto in una e-mail, Littlewitch e Uiscecat sono state meravigliose (e lo saranno sempre!), al raduno di Quercia Bianca. Ma era del supporto di persone a me vicine (fisicamente, intendo!) che avrei avuto anche bisogno. E questo è mancato, completamente. Per cui prendo atto che allo stato attuale delle cose non posso andare avanti a gestire tutto da sola...
(Ho creato Domina Ludi anche per questo!).
Bacioni e... sono contenta per le piantine! :)

Ithilel ha detto...

Eh sì, volare... credo sia proprio come pensi tu... .

Ti abbraccio ancora.

Ithilel
www.stregando.tk
www.ventodistrega.splinder.com
www.nelgrembodelladea.com

Renato ha detto...

porta a tagliare a colpi di accetta legami, memorie e rapporti ... è un tempo di cambiamento o per lo meno di chiarezza. Buon cammino

Posta un commento